La Tecnologia nelle indicazioni per il curricolo - A prova di mouse /Qualità didattica certificata da INDIRE

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Tecnologia nelle indicazioni per il curricolo

DIDATTICA E COMPUTER
LA TECNOLOGIA NELLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO
Moderatore  Antonio Caserta

Moderatore  Antonio Caserta

LA TECNOLOGIA NELLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO

www.puntoeduri.indire

CASERTA ANTONIO

MODERATORE

lunedì 31 marzo 2008

 



Un saluto a tutti gli iscritti a questo forum.

Dalle nuove indicazioni per il curricolo, il primo ciclo d’istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado, già elementare e media.
Nella formazione di base, l’area matematica-scientifico-tecnologica comprende argomenti di matematica, di scienze dell’uomo e della natura, di TECNOLOGIA sia tradizionale sia informatica. In questo ambito parleremo della disciplina TECNOLOGIA come descritto nel primo ciclo d’istruzione nelle indicazioni per il curricolo.
Ma cos’è la Tecnologia?
La TECNOLOGIA da un lato studia e progetta i dispositivi, le macchine e gli apparati che sostengono l'organizzazione della vita sociale, dall'altro studia e progetta nuove forme di controllo e gestione dell'informazione e della comunicazione.
In particolare, nel campo delle TIC (Tecnologia dell’Informazione e della Comunicazione) occorre offrire l'opportunità di acquisire una graduale competenza nell'uso degli strumenti e del software applicativo allo scopo di trovare, interpretare e scambiare informazioni, di organizzarle, di elaborale, di archiviarle in modo da consentire agli alunni di sviluppare le proprie idee, presentandole con accuratezza a sé e agli altri.
Sono convinto che le TIC siano attualmente gli strumenti più adatti alla rielaborazione e al rinnovamento della metodologia di insegnamento scolastico.

E’ vero?
Parliamone !!!


Moderatore: Antonio Caserta (Torino)
http://www.antonioistruzione.eu

 

 

 

 

 MANUEL

lunedì 31 marzo 2008

 





Sono pienamente d’accordo con te! Oggi un po' tutto il mondo ruota su prodotti sempre piu' tecnologici e innovativi dei quali si fà sempre piu' fatica a staccarsi, proprio pochi giorni fà apprendevo la notizia di un cellulare capace di trasmettere in gps anche il luogo dal quale stavi chiamando o rispondendo.
Bisogna aprire sempre più la mente e spingere i ragazzi delle nostre scuole a prendere atto che bisogna cercare e studiare per progredire sempre di piu' nel mondo delle tecnologie innovative anche dal punto di vista del rispetto ambientale...
piu' cervelli che restino e non fuggano all'estero possibilmente

 

 MERINUNZIA

giovedì 03 aprile 2008

 








La tecnologia telematica consente di attivare processi educativi a distanza per i quali non è più necessaria la presenza simultanea e nello stesso luogo di docente e studenti. Uso di strumenti di comunicazione sincrona e asincrona.

 

 

 DANIELE

lunedì 07 aprile 2008

 



Le TIC rappresentano sicuramente una notevole opportunità per il Docente che intenda innovare e rendere più efficace la propria metodologia didattica.
Ho avuto modo di verificarlo in prima persona realizzando alcune lezioni mediante l’utilizzo di un audiovisivo; il corso in oggetto era Disegno, progettazione ed organizzazione industriale rivolto ad una classe terza di un ITIS indirizzo meccanico. I vantaggi riscontrati sono stati notevoli: ho potuto proiettare disegni che altrimenti avrei dovuto realizzare alla lavagna; è stato possibile, mediante l’uso di opportuni links, effettuare salti concettuali e collegamenti in modo da favorire di volta in volta l’apprendimento convergente o divergente; l’uso dell’audiovisivo mi ha inoltre consentito di visionare insieme alla classe tabelle, foto, esempi in modo da stimolare la discussione, la condivisione delle idee, la costruzione collettiva del sapere più di quanto non avvenga con una lezione tradizionale. Non è retorica affermare che l’audiovisivo favorisce una moderna didattica di tipo laboratoriale e costruttivista
.

 

 

 FRANCESCO

martedì 08 aprile 2008

 



La tecnologia telematica consente di attivare processi educativi a distanza per i quali non è più necessaria la presenza simultanea e nello stesso luogo di docente e studenti.

 

 ELIO

mercoledì 09 aprile 2008

 



Elio  corso formazione neoassunti Pinerolo.
Concordo sul fatto che le tic prendano sempre più spazio nella didattica come nella vita quotidiana con tempi sempre più serrati, il che mi giustifica qualche residua resistenza di docenti poco alfabetizzati. Gli allievi sono attratti da qualsiasi argomento se trattato in modalità tecnologica ,impegnativo però dare loro la consapevolezza dei contenuti data la forte attrattiva esercitata dall'aspetto grafico e "magico" (ad un semplice clic equivale un risultato alle volta molto complesso).

Poter mostrare risultati tanto accattivanti (piccoli video giochi o presentazioni con efetti grafici che richiederebbero tempi lunghi di realizzazione con tecniche tradizionali)sono comunque un buon punto di riferimento da presentare come traguardo realizzativo.

 

 

CASERTA, ANTONIO
MODERATORE

venerdì 11 aprile 2008

 




Nel corso della scuola secondaria di 1° grado ritengo che, per lo studente, debbano essere organizzate attività educative didattiche con lo scopo di aiutarlo a trasformare conoscenze e abilità disciplinari in competenze personali. Per raggiungere questo obiettivo, l’informatica, che fa strettamente parte della disciplina Tecnologia deve essere vista come fondamentale prerequisito alla produzione di unità tecnologiche e interdisciplinari.
E’ vero?
Parliamone !!!


Moderatore: Antonio Caserta (Torino)
http://www.antonioistruzione.eu

 

 

 

 

 ANTONELLA

29 aprile 2008

 



Anch'io penso che la tecnologia sia indispensabile per divulgare i saperi della scuola primaria perchè ormai tutti possediamo in casa un computer e internet, che ci apre una porta sul mondo così vasta che è inpensabile non saperla gestire nel giusto modo

 

 CASERTA ANTONIO
MODERATORE

lunedì 05 maggio 2008

 

Quale valenza hanno le nuove tecnologie per un docente?

Ritengo che le nuove Tecnologie educative abbiano una
triplice valenza per il docente:

• sono strumenti di
supporto all’organizzazione e alla gestione della propria attività professionale;

• migliorano e
facilitano il processo di insegnamento/apprendimento della propria disciplina.

consentono, attraverso la rete Internet di arricchire le proprie conoscenze e di collaborare e comunicare con colleghi ed esperti anche a distanza;

E’ vero?
Parliamone !!!


Moderatore: Antonio Caserta (Torino)

http://www.antonioistruzione.eu

  LAURA

martedì 20 maggio 2008

 






Secondo me le nuove tecnologie applicate nella didattica contribuiscono soprattutto ad arricchire e trasformare la relazione docente-alunno.
In generale un buon insegnante deve essere un buon scolaro: imparare nuove cose insieme ai ragazzi e dare un buon esempio di apprendimento.
Durante la creazione di un'applicazione multimediale (o comunque utilizzando in classe uno strumento multimediale) gli stessi insegnanti spesso non hanno un'idea precisa del risultato finale e si ritrovano a cooperare assieme agli allievi per una sua definizione. Nel corso del processo si potranno avere delle occasioni inattese di apprendimento interessanti anche per gli insegnanti. Gli studenti percepiscono l'entusiasmo dell'insegnante nell'apprendere attraverso il lavoro di gruppo e questo può rivelarsi un modello educativo molto più efficace di quello tradizionale, dove difficilmente trovano spazio forme reali di collaborazione.
Gli adulti devono comprendere che i computer e i programmi a essi associati sono fra i migliori tramiti per la comprensione degli studenti e del loro mondo.
Laura Longaretti

 CARMINE

giovedì 22 maggio 2008

 





 


 

Re... Ritengo che le nuove Tecnologie educative abbiano una triplice valenza per il docente:
• sono strumenti di supporto all’organizzazione e alla gestione della propria attività professionale;
• migliorano e facilitano il processo di insegnamento/apprendimento della propria disciplina.
• consentono, attraverso la rete Internet di arricchire le proprie conoscenze e di collaborare e comunicare con colleghi ed esperti anche a distanza
Sono perfettamente d'accordo.

CASERTA, ANTONIO MODERATORE

giovedì 17 aprile 2008

 





Una domanda che sorge spontanea è come utilizzare il computer nella didattica ordinaria . Che uso farne perché l’elaboratore diventi di supporto alle attività didattiche e di conseguenza un miglioramento nei processi di insegnamento/apprendimento ?
In sintesi cosa programmare con l’uso delle nuove tecnologie nei
vari gradi di scuola?
Parliamone !!!

Moderatore: Antonio Caserta (Torino)
http://www.antonioistruzione.eu  

 

FRANCESCO

lunedì 28 aprile 2008

 





perfetto, condivido appieno, son d'accordo con te

 

 

ROBERTA

martedì 29 aprile 2008




Come usare il computer nella didattica, come essere moderni e più vicini alle abitudini e alla mentalità degli studenti d'oggi?
Me lo chiedo spesso, ho giusto appena fatto un lavoro qui per il corso su questo.
1) presentazioni delle lezioni tramite power point o simili ; io non le uso, ma c'è chi lo fa
2) nel mio lavoro ho trovato su siti esteri delle lezioni interattive; io le userei dopo aver spiegato, in una lezione successiva; tutti gli alunni in aula pc, queste lezioni riassumono l'argomento e pongono domande; l'alunno sceglie la risposta e subito viene fuori se era giusta o sbagliata
3) questo tipo d lezione interattiva potrebbe essere usata a casa come compito, come ripasso o anche a scuola per il recupero in itinere
roberta

 

 

 ROBERTA

martedì 29 aprile 2008

 






Vorrei anche far notare un problema: ormai il pc non è più una novità per gli studenti, che portati in aula PC colgono l'occasione appena volti le spalle per andare su internet a vedere il sito della squadra di calcio, i vari filmati, ecc.......
inoltre assegnando delle ricerche o altri lavori da fare, con internet gli studenti non si alzano nemmeno dalla sedia per andare in una biblioteca a cercare i libri, nè vanno in giro a cercare negozi, prezzi, ecc per elaborare i progetti pratici (nella mia scuola c'è proprio la materia area di progetto)

 
© antonio.caserta@istruzione.it - Oggi 02/10/2018 - Aggiornato il - Sono le ore
Torna ai contenuti | Torna al menu